Meet Film Festival

 di Ferdinando Ambrosino (III D) e Amedeo  Migliore (III B)

 

October 1st 2016 was the day we students from two different classrooms and our teachers travelled  to  Mazara del  Vallo to compete in  an  international  annual event, the Meet Film Festival, representing our school with a short movie about the immigration phenomenon, where we used voices, images and videos to show our solidarity and the way it interests us. We were in the ‘Sicily Category’ but there were stunning and professional animations and clips that really let us breathless. We watched other participants’ movies and we attended the prizegiving. We didn’t win a prize but we returned home feeling proud of ourselves for living this unforgettable experience and for having the opportunity to meet important directors and special guests. All of us, including the ones who didn’t go to the festival, are now happy to be one of the contest’s finalist and to be in a famous short.

 

www-kizoa-com_collage_2016-12-11_22-02-43

www-kizoa-com_collage_2017-01-06_00-08-53

Tutti insieme ci rechiamo a Mazara Del Vallo per la cerimonia di premiazione e chiusura del Festival

20150511_12242www-kizoa-com_collage_2016-12-11_21-47-01www-kizoa-com_collage_2016-12-11_22-14-1820150526_16177

 

PARCO AVVENTURA DI ALCAMO

E quest’anno una gita non solo culturale ma soprattutto speciale, destinazione Parco Avventura, dove ciascuno di noi ha fatto i conti con le proprie paure, sfidandole e superandole. Vertigini e senso di vuoto non hanno più segreti per noi, tutti ci abbiamo provato e, chi più chi meno, tutti siamo riusciti a vincerli, tirandoci dietro anche le maestre.

We believe we can fly…

D’ora i poi sarà il motto della IV B del plesso La Masa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

A spasso per Palermo

Da due anni, con le nostre maestre, noi alunni della IV A e IV B andiamo in giro per la nostra città alla ricerca delle nostre origini.

Ci siamo incuriositi, divertiti, meravigliati, stancati… ma quant’è bella la nostra PALERMO!!!!!

A FICUZZA: IL NARRABOSCO

Classe II C, Scuola La Masa

NARRABOSCO A FICUZZA: VIVERE LE FIABE

Giorno 27 aprile ci siamo recati al bosco Ficuzza: una giornata all’aperto tra il verde respirando aria pulita…

Che bellezza!

Appena arrivati, abbiamo formato un grande cerchio e ognuno di noi si è presentato gridando il proprio nome.

Subito dopo, siamo entrati nel mondo delle fiabe di Narra bosco: percorrendo corridoi e stanze della Casa Reale abbiamo ascoltato la bellissima fiaba di Biancaneve.

Bellissima e spettacolare la drammatizzazione nel bosco con la piccola casetta, Biancaneve, la strega matrigna, coinvolgendo, alcuni di noi nel ruolo dei sette nani e del principe Azzurro: un’esperienza fantastica!

Terminata la drammatizzazione, abbiamo fatto merenda e partecipato a un gioco quiz sugli animali.

Successivamente, siamo andati a visitare il centro Lipu e ammirato bellissimi uccelli: il gufo reale, l’aquila minore, il falco… ma che non saranno più in grado di volare!

Che tenerezza!

Infine, abbiamo visitato la Real Casina: le bellissime stanze con i soffitti dipinti e con i camini e, da un balconcino, la chiesa privata che il re usava per assistere alla messa.

Abbiamo vissuto una giornata fiabesca, da principi e principesse, tra le stanze del castello e i sentieri del bosco.

UNA BELLA ESPERIENZA: TRA REALTA’ E FANTASIA!

Palermo la Splendida

di Daniele C. e Gianluca S., I E

Qualche giorno fa insieme al prof. Puleo e alle proff. Chinnici e Miceli siamo andati a piedi in giro per Palermo e abbiamo visitato la Cattedrale, il Palazzo delle Aquile e la Chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi.

cattedrale

La Cattedrale si trova in corso Vittorio Emanuele nel centro storico, è un monumento  importante per ricordi ed arte che racchiude documenti di svariate epoche di civiltà siciliana ed europea; architettonicamente è un insieme di stili originari o rifatti e molto spesso in contrasto, ha subito svariati cambiamenti da basilica a moschea per ritornare ai Cristiani con i Normanni. Nel 1184 l’arcivescovo Walter of the Mill fece abbattere e rifece costruire l’attuale grandiosa cattedrale, consacrata nel 1185.

La cattedrale è a croce latina, con  tre navate divise da pilastri: nella navata destra vi sono custodite le famose tombe reali di Costanza d’Aragona, moglie di Federico II, di Enrico VI, di Federico II stesso, di Guglielmo duca di Atene, e  infine quella  di Costanza d’Altavilla.

In quella laterale di sinistra c’è la tomba di PADRE PINO PUGLISI, il sacerdote ucciso dalla mafia per il suo impegno a favore dei bambini nel quartiere di Brancaccio.

Le opere d’arte sono molto numerose e di grande valore, attribuibili a vari scultori del Cinquecento.

Dal 3 luglio 2015 la Cattedrale  fa parte del Patrimonio dell’umanità (Unesco) nell’ambito dell’Itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale.

Dopo la visita alla cattedrale siamo andati al Palazzo delle Aquile, che si affaccia su Piazza Pretoria o così detta Piazza della Vergogna, per  via delle statue nude nella fontana al centro dell’omonima Piazza; all’interno di questo palazzo che è sede del consiglio comunale abbiamo visitato due sale, sala delle Lapidi, detta così per il soffitto pieno di lapidi, e la sala della giunta detta anche sala gialla.

palazzo aquile

sala gialla

Poi continuando il nostro giro siamo arrivati davanti alla chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi: è una chiesa costruita in stile manierista barocco, fu una delle prime chiese costruite dopo l’apertura di via Maqueda, ideata da Giuseppe Venanzio Marvuglia, e da Ferdinando Lombardo.

Il presbiterio  è caratterizzato dalla presenza del grande dipinto, opera di Gioacchino Martorana, raffigurante Santa Ninfa e le altre sante palermitane RosaliaAgata ed Oliva al cospetto della Trinità, della Vergine Maria e di san Giuseppe.

L’altare in marmo è realizzato da Giuseppe Venanzio Marvuglia.  Nel XIX secolo è stata dipinta a trompe l’oeil all’incrocio del transetto una falsa cupola opera di Gaetano Riolo.

santa ninfa

Si è concluso così il nostro giro per il centro di Palermo: è stata una visita molto interessante perché abbiamo scoperto monumenti a noi sconosciuti.