Palermo la Splendida

di Daniele C. e Gianluca S., I E

Qualche giorno fa insieme al prof. Puleo e alle proff. Chinnici e Miceli siamo andati a piedi in giro per Palermo e abbiamo visitato la Cattedrale, il Palazzo delle Aquile e la Chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi.

cattedrale

La Cattedrale si trova in corso Vittorio Emanuele nel centro storico, è un monumento  importante per ricordi ed arte che racchiude documenti di svariate epoche di civiltà siciliana ed europea; architettonicamente è un insieme di stili originari o rifatti e molto spesso in contrasto, ha subito svariati cambiamenti da basilica a moschea per ritornare ai Cristiani con i Normanni. Nel 1184 l’arcivescovo Walter of the Mill fece abbattere e rifece costruire l’attuale grandiosa cattedrale, consacrata nel 1185.

La cattedrale è a croce latina, con  tre navate divise da pilastri: nella navata destra vi sono custodite le famose tombe reali di Costanza d’Aragona, moglie di Federico II, di Enrico VI, di Federico II stesso, di Guglielmo duca di Atene, e  infine quella  di Costanza d’Altavilla.

In quella laterale di sinistra c’è la tomba di PADRE PINO PUGLISI, il sacerdote ucciso dalla mafia per il suo impegno a favore dei bambini nel quartiere di Brancaccio.

Le opere d’arte sono molto numerose e di grande valore, attribuibili a vari scultori del Cinquecento.

Dal 3 luglio 2015 la Cattedrale  fa parte del Patrimonio dell’umanità (Unesco) nell’ambito dell’Itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale.

Dopo la visita alla cattedrale siamo andati al Palazzo delle Aquile, che si affaccia su Piazza Pretoria o così detta Piazza della Vergogna, per  via delle statue nude nella fontana al centro dell’omonima Piazza; all’interno di questo palazzo che è sede del consiglio comunale abbiamo visitato due sale, sala delle Lapidi, detta così per il soffitto pieno di lapidi, e la sala della giunta detta anche sala gialla.

palazzo aquile

sala gialla

Poi continuando il nostro giro siamo arrivati davanti alla chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi: è una chiesa costruita in stile manierista barocco, fu una delle prime chiese costruite dopo l’apertura di via Maqueda, ideata da Giuseppe Venanzio Marvuglia, e da Ferdinando Lombardo.

Il presbiterio  è caratterizzato dalla presenza del grande dipinto, opera di Gioacchino Martorana, raffigurante Santa Ninfa e le altre sante palermitane RosaliaAgata ed Oliva al cospetto della Trinità, della Vergine Maria e di san Giuseppe.

L’altare in marmo è realizzato da Giuseppe Venanzio Marvuglia.  Nel XIX secolo è stata dipinta a trompe l’oeil all’incrocio del transetto una falsa cupola opera di Gaetano Riolo.

santa ninfa

Si è concluso così il nostro giro per il centro di Palermo: è stata una visita molto interessante perché abbiamo scoperto monumenti a noi sconosciuti.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...